Per la prima volta, più di 30 esperti, attivisti, rappresentanti, indigeni e non-indigeni, si ritroveranno per decolonizzare la conservazione della natura e proporre alternative che rispettino i diritti umani e l’ambiente.